Anche Scienze Politiche migra a GNU/Linux

Un’altra struttura del nostro Ateneo ha migrato i propri PC a GNU/Linux, si tratta del Laboratorio Informatico della Facoltà di Scienze politiche. Stefano Picascia, il tecnico che si occupa del Laboratorio, ci ha infatti comunicato l’avvenuta migrazione delle postazioni sia dell’Aula didattica che del Laboratorio.
Stefano ha adottato una soluzione basata su LTSP (Linux Terminal Server Project), un sistema che permette di utilizzare i PC come se fossero terminali Diskless, consentendo peraltro il recupero di macchine obsolete (ad esempio Pentium II o III con 128Mb di ram).
I terminali si avviano tramite PXE, caricano un’immagine di boot residente sul server e lavorano su un’installazione remota di GNU/Linux. Terminata la procedura di avvio si presenta la maschera di login dove gli studenti potranno inserire le loro credenziali UnisiPass per accedere al sistema, dato che il server, per l’autenticazione degli utenti, si interfaccia con il servizio LDAP di Ateneo. Gli utenti hanno così a disposizione uno spazio su disco su cui salvare i propri lavori, gli appunti presi “in tempo reale” a lezione etc. etc. Il sistema è pienamente personalizzabile: si può decidere quali applicazioni rendere disponibili agli utenti, creare profili “ad hoc”, personalizzare la configurazione hardware di ogni singola postazione.
Le applicazioni a disposizione sono Mozilla Firefox e Google Chrome per la navigazione Internet, Openoffice.oeg come suite da ufficio, R e Stata per l’elaborazione statistica, Eclipse per lo sviluppo software.
Il feedback degli utenti è positivo: tra le features più apprezzate, c’è ad esempio la possibilità di salvare gli appunti durante le lezioni nell’Aula didattica, avendoli poi a disposizione nel Laboratorio per rielaborazioni e approfondimenti, le prestazioni delle postazioni, la possibilità di utilizzare in piena legalità il software disponibile in Laboratorio (salvo il programma Stata che è coperto da licenza d’uso).
La migrazione è stata possibile anche grazie al contributo dei tecnici del QIT che hanno ottimizzato la configurazione di rete dell’Aula. Per ulteriori informazioni visitate il sito http://www.labinf-scpol.unisi.it/