Ancora una struttura migrata: il Circolo Giuridico

E’ stata portata a termine la migrazione dei computer al pubblico della Biblioteca “Circolo Giuridico” nel plesso di Via Mattioli. Si è ritenuto opportuno da parte del Direttore Francesco Poesini e tre membri del gruppo di coordinamento GNUnisi (Roberto Bartali, Michele Pinassi e Silvio Pucci, ) replicare la positiva esperienza della Sala della Rosa e procedere all’installazione di un server Debian che funge da proxy per l’autenticazione con SquidTL che permette di gestire, in maniera facile ed intuitiva, gli utenti ed il traffico di rete di una o più intranet. Il tutto in osservanza anche del decreto Pisanu che impone che l’accesso alla rete da parte di computer pubblici sia sottoposto ad autenticazione. Il risultato è che ci sono 18 terminali cui studenti, docenti e personale TA dell’Ateneo possono accedere, eseguire ricerche, salvare files e documenti, utilizzare i propri dispositivi di archiviazione removibili, il tutto liberamente e in sicurezza.

Interessante, crediamo, la procedura per l’installazione dei 18 computer. Ne abbiamo installato uno con tutto il software di cui ritenevamo dovesse essere equipaggiato e con tutti i settaggi che prevedono un profilo da amministratore e uno per gli utenti ai quali è reso impossibile cambiare qualsiasi settaggio. Modificando alcuni files di configurazione del browser (Mozilla Firefox) esso non mantiene in memoria le informazioni inserite via via dagli utenti in successione. Siccome i computer di cui stiamo parlando sono tutti uguali ed hanno il medesimo hardware, utilizzando il primo computer come “clonatore”, abbiamo prceduto così: abbiamo smontato via via gli hard disk dagli altri e li abbiamo attaccati alla seconda porta IDE in modalità slave. Quindi, facendo partire il clonatore con una versione live di Ghost for Linux e quindi abbiamo clonato il disco. Rimontato sul proprio chassis e riacceso il computer, abbiamo cambiato hostname e indirizzo IP. Voilà! E’ ovvio che la distribuzione adottata è la GNUnisi.