Fine tuning per GNUnisi

Come è noto ormai ai frequentatori del presente sito la distribuzione GNUnisi che potete scaricare direttamente da qui altro non è che una Ubuntu 9.04 Jaunty Jackalope (ma a fine mese la sostituiamo con la 9.10 Karmic Koala) già localizzata in italiano e con qualche pacchetto aggiuntivo (che difatti la rende masterizzabile solo su un DVD esuberando la capacità di un normale CDR) che si è ritenuto utile nella maggioranza dei casi.

Tuttavia, andando avanti nel progetto ci siamo resi conto che tali pacchetti in realtà possono essere molti di più e siccome li includeremo solo nella prossima release, ma molte 9.04 sono già installate e tali pacchetti non rientreranno negli aggiornamenti, ecco che siamo qui a suggerirne qualcuno.

Ovviamente per installarli basta andare sul Gestore Pacchetti e cercare il nome così come ve lo forniamo, mettere il segno di spunta e installarli.

Pacchetti funzionali e/o estetici

Nei computer che hanno schede grafiche accelerate 3D è noto che Ubuntu rende disponibili gli effetti grafici. Per gestirli al meglio e per implementarne le capacità mancano però alcuni pacchetti:

compizconfig-settings-manager

fusion-icon

emerald

in più si possono installare

avant-windows-navigator (altro non è che la barra con le icone saltellanti tipica del MacOSX)

screenlets (sono ottime anche perché consentono di visualizzare le previsioni del tempo della città che si desidera, danno alcuni dati sulla gestione dell’hardware nonché consentono di vedere l’elenco delle cartelle nella home sul desktop ed altro ancora)

e infine, per i patiti di Google e dei suoi prodotti

googlegadgets

Pacchetti funzionali e/o alternativi a pacchetti già installati

La gestione dello scanner tramite xsane può causare dei problemi data la non eccessiva cordialità dell’interfaccia. Benissimo! Installate

gscan2pdf

sembra un programma per Win$ozz addirittura e non vi fate ingannare dal nome: non serve solo per i pdf, produce tutti i formati esattamente come xsane.

L’uso delle presentazioni powerpoint causa seccature infinite ai referenti per via della non perfetta compatibilità con Impress. Buona parte delle incompatibilità sono dovute all’utilizzo di caratteri che la Micro$ozz fornisce insieme ad Office.

msttcorefonts

risolverà il vostro problema. Nel caso di migrazione accertatevi che nella cartella Win$ozz>fonts non ci siano caratteri particolari. Nel caso fosse così basta copiare i file ttf e reinstallarli su GNUnisi. Funzionano perfettamente, anche quelli più gazzillori.

Qualcuno (pochi per fortuna) usa Access. La soluzione migliore sarebbe migrare tutto a MySQL o a Postgres, ma siccome il tempo e le energie (e per molti la voglia) scarseggiano installiamo (non con Synaptic, ma cliccandoci sopra due volte)

mdb2odb (lo trovate qui)

e potete convertire i database in formato Openoffice Base. Le maschere non le converte, ma un po’ di lavoro va fatto comunque 😀

C’è chi ha bisogno di gestire bibliografie sterminate. Va bene c’è

bibliographer

Se invece c’è da smanettare con i pdf ecco una bella scarica di roba apposta:

pdfsam (per splittare i pdf e mergerli)

referencer (per gestire articoli in pdf, una biblioteca insomma)

pdfjam (per fare collezioni come per referencer)

pdfedit (per editare i pdf di cui non abbiamo l’originale in wordprocessor)

Per la grafica invece, a parte f-spot per la gestione delle collezioni di foto e GIMP per il fotoritocco uso-photoskiop, abbiamo un ottimo strumento per il disegno vettoriale uso-Fireworks o uso-Illustrator

inkscape

Per chi è abituato a Dreamweaver, non con le medesime funzioni, ma molto simile

quanta

fa per voi.

Se siete dei patiti del codice xhtml:

screem

E per chi smanetta (legalmente e illegalmente, ma noi non abbiamo visto niente) coi filmati?

k9copy (più chiaro di così …)

dvdauthor

acidrip (RIP ovviamente non sta per “requiescat in pace”)

devede

che dipendono comunque tutti (e anche se non dipendessero sarebbe bene installarli comunque) da

mplayer

mencoder

ffmpeg

Per il momento non mi viene in mente altro, poi vediamo.